Global Compact: “Dovete accettare la mobilità umana”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Louise Arbor , Rappresentante speciale del Segretario generale per la migrazione internazionale (SRSG) ed ex collaboratrice di George Soros, spiegava mesi prima che il Global Compact sulle migrazioni dell’Onu divenisse una discussione di pubblico dominio:

[…] la comunità internazionale ha “la grande responsabilità di lavorare per una migrazione sicura, ordinata e costante modo ragionato e realistico, al fine di migliorare la vita di milioni di migranti, di coloro che lasciarsi alle spalle e quelli che accolgono fino alla loro destinazione finale.”

Appartiene a tutti noi qui accettare pienamente la mobilità umana

Perché la ‘mobilità umana’ dovrebbe essere accettata? In tempi meno corrotti intellettualmente veniva definita ‘invasione’. Immaginate un filosofo ateniese spiegare ai propri cittadini che, insomma, era ora di “accettare pienamente la mobilità persiana”: non sarebbe sopravvissuto alle proprie idiozie.

Certo, anche allora c’era chi lavorava per lo straniero, i globalisti sono sempre esistiti, ma lavoravano nell’ombra: oggi lo fanno alla luce del sole. Dopo avere corrotto per decenni il discorso pubblico attraverso il controllo dei media di distrazione di massa.

E ora vogliono censurare la rete perché ha loro tolto proprio questo controllo: le fake news sono un’invenzione necessaria a questo risultato, in realtà loro è da decenni che seminano disinformazione.




Lascia un commento