Accordo Italia-Belgio contro i ‘profughi vacanzieri’

Condividi!

Il governo belga e quello italiano hanno firmato un accordo per individuare i “profughi che cercano di abusare dello status di protezione e vanno in vacanza nel loro Paese di origine. Firmeremo per lottare contro l’abuso delle leggi del sistema di asilo. Dobbiamo essere aperti verso i veri profughi, ma dobbiamo essere più duri contro chi cerca di approfittarsi della nostra ospitalità”.

VERIFICA LA NOTIZIA

A spiegarlo, da Bruxelles, è il sottosegretario di stato belga all’Asilo Theo Francken, membro dei nazionalisti fiamminghi (NVA) che detengono il maggior numero di seggi nelle due camere del parlamento federale.

Accolti come profughi tornano a casa in vacanza, a spese nostre

Sulla questione dell’accoglienza ai migranti il governo guidato da Charles Michel, formato da una coalizione di liberali fiamminghi, fiamminghi democristiani, dall’Alleanza neofiamminga (i nazionalisti di NVA) e dal Movimento riformatore (francofono), è in seria difficoltà e rischia la crisi dopo il rifiuto dei nazionalisti di continuare ad appoggiare il governo, nel caso questi persista nella volontà di firmare il Global Compact dell’Onu sui migranti.

Ieri il premier belga ha cercato di mediare e trovare un accordo ma vista la posizione irremovibile dei nazionalisti, anticipata da una campagna social in difesa della “propria cultura”, Michel ha passato la palla al parlamento dove la maggioranza dei deputati sarebbe a favore del Global Compact. E dopo andrà a casa.




Lascia un commento