Retata profughi spacciatori: coinvolti in omicidio Pamela

Condividi!

Ci sono anche tre spacciatori nigeriani coinvolti nelle indagini sul brutale omicidio di Pamela Mastropietro tra i 27 arrestati per spaccio di droga ieri a Macerata.

VERIFICA LA NOTIZIA

Uno è lui, Innocent Oseghale, in carcere con l’accusa di aver ucciso e fatto a pezzi la 18enne romana, è stato raggiunto da obbligo di dimora; custodia in carcere per Awelima Lucky e Lucky Desmond, già detenuti a Ferrara, indagati e scagionati dall’accusa dell’omicidio di Pamela e di recente condannati per spaccio. Sono tutti profughi.

Oltre 4mila gli episodi di spaccio gestiti da una rete di spacciatori nigeriani con permessino umanitario, soprattutto d’eroina, che si erano spartiti la città in tre zone: le ‘palline’ di droga venivano nascoste in bocca.

Arrestati i capi: Happiness Uwagbale, 19 anni, catturato a Ferrara, e Osas Nelson Adoghe, 35 anni, entrambi nigeriani.

Dietro la morte di Pamela c’è la mafia nigeriana. E’ sempre più chiaro. Come è sempre più chiaro che Traini non ha colpito a caso. La sua è stata una lucida follia.




Lascia un commento