Bolzano, Lega detta condizioni: “Coprifuoco profughi”

Condividi!

La Lega detta le condizioni per entrare in un governo della provincia di Bolzano con la SVP.

VERIFICA LA NOTIZIA

In caso, si darà il via a tavoli tecnici sulla falsariga di quelli che diedero vita al contratto di governo nazionale, con la composizione dei cinque gruppi di lavoro che in tre settimane dovranno stendere il programma per l’accordo (tecnico) di giunta. In ogni gruppo tematico previsti tre nomi indicati dalla Lega e tre dalla Svp, anche tecnici.

Massimo Bessone, commissario leghista e assessore in pectore, ha spiegato che «la Lega intende dare la propria impronta».

Il programma elettorale della Lega pubblicato sul web è suddiviso in sei punti, ognuno di poche righe.

In testa «Sicurezza e immigrazione». Con lo slogan «patti chiari, amicizia lunga», ecco le nuove regole chieste dalla Lega per i centri di accoglienza per richiedenti asilo: «Al fine di tutelare e garantire la sicurezza degli altoatesini si ritiene opportuno stabilire un coprifuoco di chiusura dei centri d’accoglienza fissato per le ore 19 d’inverno e le 20 in estate».

Sempre in tema, stop all’apertura di nuovi centri, l’obiettivo è «cercare di chiudere quelli esistenti». In tema di lavoro, la Provincia dovrebbe «prediligere gli autoctoni, garantendo loro diritto di prelazione in termine di assunzione da parte del pubblico».

Poi la Lega propone la riapertura dei punti nascita, tasto dolente per la Svp sul territorio. E ancora, «no a cure privilegiate per i finti profughi»: con questo la Lega intende cure secondarie (medici di base) garantite solo a chi ha ottenuto lo status di rifugiato, «per tutti gli altri basterà un servizio di pronto soccorso».

Viene inoltre proposta la certificazione linguistica al termine del percorso scolastico, altrimenti è necessario «rivedere radicalmente il metodo d’insegnamento». Troppi bambini stranieri nelle classi rallentano la formazione, secondo la Lega, che propone «un livello linguistico minimo adeguato dei nuovi arrivati, anche attraverso classi alternative».




Lascia un commento