Aquarius: anche Svizzera nega bandiera a nave dei veleni

Condividi!

La nave dei veleni dell’ong Medici Senza Frontiere, la Aquarius, non potrà contare sulla bandiera svizzera. Il Consiglio federale svizzero ritiene che non ci siano le condizioni per farlo. +

In risposta ad alcune interpellanze, l’esecutivo afferma che teoricamente le navi con finalità ‘idealistiche’ (questa è bella!) come l’Aquarius possono in via eccezionale essere iscritte nel registro del naviglio svizzero che è in linea generale riservato alle navi mercantili d’alto mare che trasportano merci e persone a scopi commerciali.

Detto ciò, il governo ritiene che le operazioni di salvataggio nel Mediterraneo «richiedano un approccio coordinato» e che a lungo termine l’accoglienza dei profughi debba fondarsi «su una distribuzione equa delle responsabilità nei confronti delle persone vulnerabili».

Secondo il Consiglio federale, inoltre, «non è costruttivo intavolare negoziati ad hoc per ogni nave con profughi a bordo costringendoli a errare per giorni». Per l’esecutivo la soluzione va trovata a livello europeo.

VERIFICA LA NOTIZIA

Per Berna occorre mettere a disposizione porti di sbarco e prevedere un meccanismo per la ripartizione dei profughi in arrivo. Questo tipo di impegno va inoltre definito «attraverso una procedura coordinata» che coinvolga a lungo termine tutti gli Stati europei.

Riconoscendo che una simile soluzione attualmente non esiste, il Consiglio federale ritiene che «gli interventi isolati celino il pericolo di aggirare la collaborazione tra gli Stati, invece di promuoverla». Per questo motivo non crede possibile adottare, per la nave Aquarius, la clausola derogatoria della legge sulla navigazione marittima sotto bandiera svizzera.

In una prima reazione, l’associazione SOS Méditerranée Suisse critica la decisione del Consiglio federale: «non si possono lasciare morire delle persone unicamente perché non si sa ancora dove sbarcarle», afferma in un comunicato.
Per la sezione elvetica di SOS Méditerranée, l’ong per il salvataggio delle vite in mare con sede a Marsiglia, la Svizzera avrebbe potuto far valere la sua tradizione umanitaria e inviare un segnale forte ai governi europei. Purtroppo però, scrive ancora l’associazione, «considerazioni politiche hanno nuovamente prevalso sul destino di vite umane».

Vi rimane lo Stato islamico.




Lascia un commento