Ladro ucciso un latitante con numerosi precedenti: grazie Fredy!

Condividi!

Il ladro moldavo ucciso da Fredy Pacini non si chiama Tonjoc, ma Mircea Vitalie. Questo perché in Moldavia, per un motivo che ci sfugge, è possibile scrivere sul passaporto il nome della moglie.

VERIFICA LA NOTIZIA

Si scopre così che non era incensurato in Italia ma un latitante, colpito da ordine di carcerazione della procura di Milano. A suo carico ci sono, infatti, numerosi precedenti, sempre per furto.

Quindi, doppiamente grazie Fredy. Come grazie gli hanno detto stasera a migliaia, a casa sua:

Ladro ucciso: grande fiaccolata per Fredy

Dall’autopsia sul corpo di Vitalie è emerso che il moldavo è morto per uno choc emorragico mentre tentava di scappare. E’ stato raggiunto da due proiettili: uno l’ha colpito vicino a un ginocchio, mentre l’altro è andato più in alto, colpendolo al fianco (in questo caso non è presente il foro di uscita). Il secondo sparo potrebbe aver leso un’arteria, probabilmente la femorale, che ha causato un dissanguamento interno.

Tutto è bene quel che finisce bene. Peccato per il fuggitivo.




Lascia un commento