In Italia il 61% extracomunitari non lavora, vive di sussidi

Condividi!

Al sistema assicurativo pubblico sono registrati 2.259.000 immigrati su gli oltre 5.444.440 immigrati che vivono in Italia: significa che solo la metà dei migranti residenti in Italia lavora. Gli altri, in un modo o nell’altro, li mantenete voi.

VERIFICA LA NOTIZIA

Non solo. Dei 2.259.000 stranieri iscritti all’Inps, solo 1.700.000 sono occupati e percepiscono un reddito di tipo dipendente, gli altri sono presunti lavoratori autonomi, tipo i vu cumprà o proprietari di locali etnici Tutta gente che non versa i contributi:

Non basta. Il 32,3% degli stranieri (1 milione e 609 mila persone) è ‘povero’, riceve così aiuti sociali.

Nel 2017 l’Inps ha pagato 96.743 pensioni a immigrati e ben 60mila incassano una pensione assistenziale. Quella sociale di chi non ha mai lavorato. Più 10mila pensioni di ‘invalidità’: sbarchi e sei invalido? Gli italiani ti pagano la pensione.

Ma non basta ancora. Perché dei 2,2 milioni che lavorano, oltre 120mila con reddito ridotto vengono aiutati dai contribuenti italiani.

In pratica, su oltre 5 milioni di immigrati presenti in Italia, solo 2 milioni lavorano senza avere aiuti dai contribuenti. Tutti gli altri li manteniamo noi. Che ci stanno a fare?

Non ci pagheranno le pensioni. Non sono qui per fare i lavori che noi non vogliamo fare: il 61 per cento di loro sono qui per parassitare.




Un pensiero su “In Italia il 61% extracomunitari non lavora, vive di sussidi”

Lascia un commento