Fallito per colpa dello Stato: un cinese si prende casa sua

Condividi!

Sergio Bramini, imprenditore e simbolo della lotta contro l’arroganza dello Stato, ‘grazie’ ai ritardi nei pagamenti dello Stato ha perso la sua villa.

VERIFICA LA NOTIZIA

La casa era finita all’asta dopo la decisione del Tribunale fallimentare e nei giorni scorsi è stata venduta. A chi? A un acquirente cinese, F.Z., titolare di una catena di centri commerciali di Cassano D’Adda. Che con poco più di 500mila euro si è assicurato Villa Bramini.

Anche questa è sostituzione etnica. Facciamo entrare ‘imprenditori’ cinesi, che portano soldi all’estero e danno lavoro solo ai cinesi – schiavi cinesi – e facciamo fallire i nostri. Poi non ci spieghiamo perché le loro imprese aumentano e le nostre no.

Il prezzo iniziale era di 667mila euro, ma poi l’asta è andata deserta più volte e così il prezzo è sceso. Si tratta di una tenuta di lusso, con 30 stanze, piscina, un bel parco e ovviamente il box. Valore totale stimato: 1 milione e 500mila euro. Quindi il prezzo di vendita è un terzo del valore reale. Mica male.

Bramini si è ritrovato in fallimento perché la sua azienda, specializzata nel trattamento di rifiuti, non riceveva da tempo i pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni che avevano goduto del suo lavoro. Alla fine aveva accumulato qualcosa come 4 milioni di crediti a fronte di un fatturato da 5 milioni l’anno. I conti non hanno retto ed ha finito col fallire. Nonostante non dovesse fallire.

E pensare che la casa era stata ipotecata proprio nella speranza di salvare l’azienda dall’orlo del baratro: nel 2011 però combattere è diventato inutile e Bramini è stato costretto a portare i libri in Tribunale.

Ora, dopo ‘pressioni’, il cinese sembrerebbe disponibile a ritirarsi. Anzi, si era già ritirato.

Sul tavolo però era rimasta la busta con l’offerta da 500mila euro accettata dal curatore.

Ora dice di essere “pronto a tirarmi indietro, a patto però di non doverci rimettere la penale da 50mila euro che mi dicono sia prevista in casi simili”.




Lascia un commento