Sindaco Lega rade al suolo campo nomadi e presenta il conto ai Rom

Condividi!

Andrea Cassani, sindaco leghista di Gallarate, è salito sulla ruspa. E ora sta per radere al suolo il campo nomadi, e presenta il conto agli zingari.

“Ci devono 50.000 euro più 20.000 di multa – racconta a La Verità – non so se li prenderemo ma conta il principio”. Beh, insomma, conta anche il grano.

“A marzo – spiega – l’ufficio Edilizia privata dell’ assessorato all’ Urbanistica ha effettuato un sopralluogo al campo nomadi dove vivono 85 persone e ha verificato 25 abusi edilizi. Allora ha notificato gli abusi e ordinato il ripristino”.

Passati i termini di legge, ora è pronto: “C’erano perfino case mobili murate e con l’isolamento termico, il famoso cappotto. Un villaggio in piena regola, ovviamente nessuno pagava elettricità e acqua”.

Ma l’amministrazione precedente, Pd, non pare essersene mai accorta.

Ora il sindaco ha applicato la direttiva Salvini che permette di “demolire, chiedere il rimborso delle spese e occuparci delle eventuali fragilità sociali”. “Su 85 persone – racconta Cassani a La Verità – sono in parecchi ad avere già casa di proprietà e terreni. Alcuni anche l’ alloggio pubblico assegnato (!!!), ma ci avevano messo altre persone in affitto. Un dirigente del campo a luglio ha comprato una casa ottenendo un mutuo importante”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Se decidono di vivere in casa partecipino al bando Aler e se hanno i parametri otterranno l’ alloggio pubblico. Noi di campi nomadi a Gallarate non ne vogliamo più”, conclude il sindaco. E sui soldi spesi e le multe precisa: “Se anche non dovessimo recuperare niente sarei contento per due motivi: smettiamo di far pagare alla collettività le loro utenze e facciamo passare un principio di legalità”.




2 pensieri su “Sindaco Lega rade al suolo campo nomadi e presenta il conto ai Rom”

  1. ”smettiamo di far pagare alla collettività le loro utenze e facciamo passare un principio di legalità”.

    Come no… Cassani già li vedo tutti in preda al terrore i suoi Rom
    ….perchè rischiano di scoppiare dalle risate
    …beh speriamo almeno quello, si….visto che il ”principio legale” di cui lei parla è davvero molto, molto ma molto da pricipio
    ….non ci rsta che sperare di ”sistemarli” con l’enorme umorismo dei suoi compari politici…

    e che quindi scoppino per questo.

Lascia un commento