Spacciatore tunisino torna libero perché aereo rimpatrio guasto: si porta via ragazzina

Condividi!

Angelica è stata ritrovata ieri sera alla stazione di Vicenza. La ragazza di sedici anni era scomparsa da due mesi, plagiata da un clandestino tunisino, pregiudicato per spaccio di droga, di cui si era infatuata: demente.

La vicenda era finita sui giornali e in tv e proprio ieri, dopo la messa in onda del servizio sul caso, è stata data in diretta la notizia del ritrovamento. Una telefonata da un numero sconosciuto arriva alla mamma di Angelica quattro minuti dopo la messa in onda del servizio ha annunciato che Angelica si trovava alla stazione di Vicenza. I genitori sono corsi allo scalo ferroviario e hanno trovato la ragazza.

VERIFICA LA NOTIZIA

Due mesi fa, Tarek, lo spacciatore tunisino, aveva raggiunto Angelica dopo che la sua espulsione era saltata per un guasto all’aereo. I fatti, risalgono allo scorso settembre, quando il charter designato per il volo di espulsione di decine di clandestini, è stato dichiarato inagibile per un guasto. “Tutti liberi”, avevano titolato i giornali e tra loro c’era anche Tarek:

Tunisini espulsi tornano liberi perché aereo rimpatrio è guasto

Questo perché quei geni del PD hanno chiuso quasi tutti i centri di detenzione e diminuito il tempo di permanenza legale. Tutto rivoluzionato ora dal decreto Salvini.

Un vero e proprio rapimento, contando sulla minorità mentale della ragazzina. Il tunisino ha chiamato diverse volte la mamma di Angelica, minacciandola: “Devi piangere lacrime di sangue, tua figlia l’ammazzo,”. “Tu mi fai schifo, le donne non dovrebbero parlare, fammi parlare con un uomo. Da noi non esiste la donna che parla, da noi esiste l’uomo che parla”.

Ora la ragazzina è a casa. Ma Tarek è ancora allo stato brado: perché è ancora vivo?




4 pensieri su “Spacciatore tunisino torna libero perché aereo rimpatrio guasto: si porta via ragazzina”

  1. LO STATO E UNA MERDA CHE LASCIA LIBERI STI CRIMINALI TUNISINI CHE LI DOVREBBERO MANDARE ALLE CAMERE A GAS E FARLI CREPARE ASFISSIATI E STA TROIA MALEDETTA ITALIANA E ANCORA LE ITALIANE CHE SCOPANO CON ANIMALI E NON CON GLI ITALIANI SIETE TROIE DA STRADA FATE SCHIFO E SENZA DIGNITA

  2. Vox, la risposta alla domanda retorica è: “il tizio è libero perchè noi non lo siamo”. Se Trump dovesse rilasciare i Proud Boys o i RAM contro gli Antifa però poi potrebbero cambiare le cose anche qui.

Lascia un commento