Tubercolosi, controlli su 1.000 bambini: tutto è iniziato col profugo

Condividi!

Ci fanno vaccinare, poi però arrivano ‘loro’, che vaccinati non sono.

VERIFICA LA NOTIZIA

Così capita che in una scuola di Strambino, Ivrea, quasi 1.000 alunni siano a rischio tubercolosi.

Dopo le elementari, i controlli saranno estesi a tutti i 300 alunni della scuola media Panetti. Con i loro insegnanti, saranno sottoposti al test di Mantoux per la diagnosi preventiva della tubercolosi.

DIFFUSIONE TUBERCOLOSI

L’estensione dei controlli è motivata dal fatto che elementari e medie usino gli stessi locali per la mensa. Già, le famose mense…

Gisella Revigliono, incaricata dal Servizio di igiene e sanità pubblica della Aslto4 di Ivrea, ha ripetuto: «I bambini non sono normalmente infettivi», e ancora: «Oggi, se ci si cura, dalla tubercolosi si guarisce». Si guarisce, ma meglio non ammalarsi.

A maggio il primo caso di Tbc su un bambino, poi un adulto all’inizio del mese di ottobre.

A partire dal 25 maggio sono iniziati i test di Mantoux su tutti i bambini a partire dai compagni di classe. Quindi sugli adulti e sui ragazzi, catechisti ed animatori, dell’oratorio strambinese, fino ad arrivare allo scorso ottobre, con un caso sospetto su un adulto, sono stati fatti ben 457 test, di cui 318 sui minori e 169 sugli adulti.

Positivi 18 bambini, 19 adulti. Da queste analisi sono emersi 18 casi di minori positivi, con una incidenza dell’8,9 per cento, e 19 adulti positivi, pari al 12,1 per cento, con una incidenza 100 volte superiore al valore di 8,2 casi per centomila abitanti registrati in Piemonte.

Quando sarà concluso il programma di sottoporre al test di Mantoux anche alunni e insegnanti della media Panetti, saranno circa 800 le persone entrate nel programma di prevenzione che, in alcuni casi, dopo il test iniziale hanno richiesto degli approfondimenti con la verifica di raggi al torace. A questa verifica sono stati sottoposti anche 33 migranti ospitati nello Strambinese dal momento che proprio tra loro, due anni fa, era stato registrato un caso di tubercolosi.

Ecco, andare sempre all’origine.




Lascia un commento