Governo respinge lettera Ue: manovra non cambia

Condividi!

Nella lettera di risposta alla Commissione Ue, il governo conferma rapporto deficit/Pil al 2,4% e crescita all’1,5% e va allo scontro con Bruxelles. E introduce dismissioni e clausole di salvaguardia che scatteranno in caso di imprevisti.

“Il governo conferma i saldi di finanza
pubblica entro la misura indicata nel
documento di programmazione,rispettando
le autorizzazioni parlamentari. In par-
ticolare,il livello del deficit al 2,4%
del pil per il 2019 sarà considerato un
limite invalicabile”.

Lo scrive il ministro dell’Economia
Tria,nella lettera all’Ue che accompa-
gna il documento programmatico di bi-
lancio aggiornato questa sera dal Cdm.
“Resta prioritaria l’esigenza di rilan-
ciare le prospettive di crescita e di
fare fronte al rallentamento di ciclo”

“Si cambia in base a quello che succede in Italia, ad esempio a causa del maltempo – ha spiegato Salvini – stiamo facendo la conta dei danni e rischiano di essere 5 miliardi di euro”. Tra le novità vi è l’introduzione di operazioni di dismissione di immobili dello Stato. Un’operazione che, secondo i calcoli dell’esecutivo, dovrebbe valere l’uno per cento del Pil. E Di Maio spiega che non verranno svenduti i “gioielli di famiglia”.

Salvini è soddisfatto: “Abbiamo lavorato a una manovra che comprende più posti di lavoro, più diritto alla pensione e meno tasse (non per tutti, ma per tanti italiani)”. E, nel giorno in cui il Fondo monetario internazionale ha espresso forti dubbi sull’impianto della manovra, ci tiene a far presente che se all’Europa dovesse andare bene la legge di Bilancio, il governo sarà contento. “Se all’Europa non va bene, tiriamo dritti lo stesso”.

Abbiamo un governo. Ma non abbiamo ancora una sovranità monetaria: senza, siamo comunque sudditi. L’Italia deve tornare a battere moneta.




Un pensiero su “Governo respinge lettera Ue: manovra non cambia”

  1. Ovviamente continuare anche solo a voler parlare di permanenza in UE e magari tornare a battere moneta è pura follia e del resto è più che chiaro che abbiamo a che fare con carogne criminali che nulla hanno a che spartire con seri propositi di reciproco sostegno e fratellanza.
    Sono Criminali punto.
    La UE va mollata definitamente agli abboccaloni con idee suicide….che si fottano loro e chi cè dietro.

    Non si può sperare che uno nato bastardo, un giorno si ravveda e cambi atteggiamento .

    Qua si vuole assurdamente far apparire possibile e fruttuosa, la convivenza in una vasca d’acquario tra Piranhas e sardine

Lascia un commento