Chiamano il figlio Adolf Hitler: condannati per ‘odio razziale’ genitori

Condividi!

Tre militanti britannici di estrema destra, fra cui una coppia che ha dato al figlio neonato il nome “Adolf Hitler”, sono stati condannati per istigazione all’odio e diffusione di idee neonaziste, razziste o improntate al “suprematismo bianco” di marca americana. Il processo si è concluso col verdetto di colpevolezza emesso da una giuria dinanzi alla Birmingham Crown Court, nella regione inglese delle Midlands.

VERIFICA LA NOTIZIA

Che si voglia impedire ad una coppia di dare al figlio il nome Adolf Hitler per non arrecare danni al bambino, lo possiamo capire, ma che per questo li si condanni per il non reato di “istigazione all’odio” è tipico dell’Inghilterra, una Paese ormai allo sbando.




2 pensieri su “Chiamano il figlio Adolf Hitler: condannati per ‘odio razziale’ genitori”

  1. Non so se avete presente la “fisicità” dei soggetti in questione, ma i “genitori” sono una smandrappona di cento chili trentenne e un ragazzino di 46Kg. circa di ventuno anni. Aggiungendo al quadro il loro amico hanno così tanti cromosomi extra che potrebbero aggiungere un quarto imputato al processo. Meglio metterli in galera che lasciarli in giro a ledere il buon nome dei neon nazi. Certo, io li incarcererei per motivazioni differenti rispetto agli Inglesi.

Lascia un commento