Padova: italiani pagano immigrati per avere il “permesso” di abitare in certi quartieri – VIDEO

Condividi!

Reportage del Giornale nelle zone di Padova dove gli italiani hanno paura:

Basta incrociare i pochissimi padovani rimasti qui, per avere il polso del malumore: «Siamo attorniati da tanti spacciatori silenziosi, ma siamo anche ostaggio degli schiamazzi e della sporcizia dei loro clienti. Vengono qui a procurarsi la droga anche alla luce del sole. Come se fosse la cosa più normale del mondo».

VERIFICA LA NOTIZIA

L’ingegner Marco Trevisan, 45 anni, vive da sempre al centro della via. Sul terrazzo ha issato una grande bandiera italiana, e ora un tricolore compare anche sul campanello.

«La droga è un grosso problema qua. Abbiamo dovuto pagare una sorta di mancia ad uno di questi personaggi per assicurarci una maggior tranquillità. In un anno gli abbiamo versato alcune migliaia di euro: mi vergogno a dirlo ma mi sono trovato costretto».

Questa è la Padova governata dal PD. Gli italiani pagano per poterci abitare. Il governo invii l’esercito, e carichi quegli spacciatori sul primo C-130. Non è necessario arrivino a destinazione.

Per rispondere a questa emergenza, il sindaco di Padova, Sergio Giordani, comunica nella propria pagina Facebook che “sono state posizionate a partire dai due quartieri popolari le prime telecamere di un lotto che a breve triplicherà gli impianti di video sorveglianza in città.

Studenti italiani contro figli immigrati: scontri etnici a Padova

“I punti di osservazione – ha spiegato Giordani – da 200 passeranno a 600, attivi in tutte le zone di Padova e collegati con le centrali operative delle forze dell’ordine. E’ un investimento da 2 milioni e 500 mila euro. Sulla sicurezza dei cittadini facciamo parlare i fatti concreti”.

Ecco. Più immigrazione significa più criminalità. E così hanno la scusa di tappezzare le città di telecamere. Rinunciamo ai nostri diritti a causa dell’immigrazione. Non sarebbe meglio eliminare – espellendoli – gli immigrati che delinquono, invece di mettere le telecamere?

Intanto però, lui:

Il tunisino più ricercato di Padova viveva nella casa popolare




Lascia un commento