Lombardia: 1.500 clandestine a partorire gratis

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Sulla notizia delle immigrate che vengono in Italia, in questo caso in Lombardia, a partorire gratis, sfruttando la nostra sanità:

Immigrate vengono a partorire in Italia: “E’ tutto gratis”

Regione Lombardia ha confermato che, adeguandosi alla normativa nazionale, ha dovuto assistere nelle sue strutture ospedaliere, negli ultimi tre anni, 1.500 donne straniere partorienti non in regola con le norme di soggiorno (530 nel 2016, 608 nel 2017, 373 nel 2018)».

«Seguendo le direttive ministeriali – ha detto l’assessore Gallera – Regione Lombardia garantisce agli stranieri che si trovano in Italia in condizione di soggiorno tutte le cure urgenti, cioè non differibili senza pericolo per la vita o danno per la salute della persona, o comunque le cure essenziali, cioè prestazioni sanitarie, diagnostiche e terapeutiche, relative a patologie non pericolose nell’immediato e nel breve termine, ma che, nel tempo, potrebbero determinare maggiore danno alla salute o rischi per la vita, come complicanze, cronicizzazioni o aggravamenti». Praticamente tutto.

Per gli stranieri irregolari, le norme in questione sono una circolare del ministero della Salute e l’accordo Stato-Regioni del 20 dicembre 2012. Gallera ha sottolineato come l’esonero dalla partecipazione alla spesa sia «applicato in tutti i casi in cui si applica per i cittadini italiani».

E in caso di indigenza le spese sono a carico del ministero della Salute (i contribuenti), tramite un fondo che ogni anno viene ripartito tra le Regioni in proporzione ai ricoveri per gravidanza.




Un pensiero su “Lombardia: 1.500 clandestine a partorire gratis”

  1. MA NON SOLO LE PROSTITUTE PARTORIENTI RESPONSABILI DELLA FINE DELL’EUROPA MA TUTTI GLI IMMIGRARI IN GENERALE VENGONO ASSISTITI GRATIS CON UN ALTO COSTO DELLE TASSE REGIONALI X COPRIRE TUTTA LA MERDA DI IMMIGRATI. SARÀ GUERRA.

Lascia un commento