Carte prepagate ai clandestini: distribuite prima di arrivare

Condividi!

Ieri la notizia dell’accordo tra Soros e Mastercard:

Soros e MasterCard finanzieranno immigrati

Secondo la polizia croata, ai clandestini che attraversano i Balcani verrebbero già distribuite carte di credito prepagate: “I migranti illegali che rispediamo a casa, nel giro di pochi giorni si ripresentano per provare e rientrare in Croazia. La maggior parte di loro è ben equipaggiata, con scarpe e vestiti nuovi, smartphone sofisticati e di ultima generazione, persino armi. E tutti hanno in dotazione una Mastercard senza nome ma con la dicitura Unhcr e un numero stampigliato. Quello che non ci spieghiamo è da quale conto ritirino i soldi dagli sportelli automatici”.

In realtà la spiegazione è molto semplice. Lo ha spiegato Tara Nathan, vice-presidente esecutivo di Mastercard in un’intervista.

VERIFICA LA NOTIZIA

Mastercard in accordo con Mercy Corps, organizzazione ‘umanitaria’ con sede negli Usa che, spiega la vice-presidente di Mastercard, “ha permesso la distribuzione di carte prepagate ai rifugiati in tutta la Grecia e in Serbia“ nel “primo programma della regione a sfruttare un sistema di pagamento senza contanti per coloro che cercano sicurezza in Europa. Il modello – osserva Nathan – consente ai rifugiati di acquistare beni in modo più efficiente senza spendere troppo”.

E al finanziamento di questa distribuzione di carte di credito partecipa anche l’Unione Europea: soldi vostri. Soldi che i clandestini usano per venire a casa vostra, armati.

Magari anche per muoversi nell’ombra, visto che sono anonime.




Un pensiero su “Carte prepagate ai clandestini: distribuite prima di arrivare”

  1. Soros e compagni hanno studiato bene la storia.Il sultano prelevava una parte dei bambini cristiani dai balcani per farne i giannizzeri.Soros preleva i soldi dai paesi cristiani per finanziare il suo esercito islamico.Con due effetti:indeboliscono noi e fortificano loro.

Lascia un commento