Finti profughi devono lasciare gli hotel: “Colpa di Salvini” – VIDEO

Condividi!

Con il decreto Salvini, sparisce la famigerata ‘protezione umanitaria’, con la quale il Pd foraggiava le coop di frotte di clandestini.

In pratica, i pakistani e gli africani non potranno più rimanere negli hotel come facevano fino ad ora.

Ma ecco il servizio del programma di Mediaset sul tema, con un ‘povero’ africano che d’ora in poi non potrà più essere mantenuto, come accaduto per anni, dai pensionati italiani:

Perché, secondo la giornalista, gli italiani dovrebbe mantenere un africano in hotel? Perché ha fatto richiesta?

E come lui, sono decine di migliaia i nigeriani e pakistani che oggi hanno il ‘permesso umanitario’ (di spacciare e uccidere come nel caso di Pamela e Desirée) e che diventeranno clandestini. Anzi, non è che ‘diventeranno’: lo sono sempre stati, solo che il PD li aveva trasformati in ‘profughi’ per foraggiare le coop del partito. E quelle del Vaticano. E la ‘ndrangheta.

Visto che molti se non tutti i giornalisti sono finanziati di una di queste tre organizzazioni, non sorprende che stiano starnazzando come vedove in calore.

Per avere un’idea basti dire che i rifugiati veri e propri sono stati 6.827 (l’8% del totale) e i “dinieghi” 46.992 (il 58%). Queste 20mila persone, insomma, passeranno tra i “dinieghi ”divenendo clandestini. Quest’anno, per ora, la situazione è questa: 61.735 le richieste di asilo esaminate al 31 agosto, circa il 60% sono state respinte, le protezioni umanitarie accordate sono 16.761 (il 27%).

VERIFICA LA NOTIZIA

L’Istituto per gli studi di politica internazionale (Ispi) ha simulato gli effetti delle politiche del ministro Salvini: ai 490 mila irregolari già presenti in Italia, se ne aggiungeranno 72 mila per l’arretrato delle commissioni che analizzano le richieste di asilo; altri 32.750 per il mancato rinnovo della protezione umanitariae 27.300perla mancata concessione. Il totale fa 622mila, oltre il 20% in più in un colpo solo.

Per questi personaggi, la soluzione ai clandestini è fingere che non lo siano e dare loro un permesso e 35 euro al giorno in vitto e alloggio.

Il primo passo di risolvere un problema, è riconoscerlo. In un colpo solo, grazie al decreto voluto da Salvini e dagli italiani, 122mila fancazzisti saranno riconosciuti per quello che sono: clandestini. E non dovremo più mantenerli. Andranno espulsi. E sarà molto più semplice farlo con loro, visto che sappiamo dove sono, in hotel, rispetto ai 500mila che sono chissà dove.

Intanto, però, non dovremo più mantenerli in hotel. Ergo, lungi da quello che scrivono i media di distrazione di massa (il decreto crea clandestini!), il decreto svuota gli hotel dai fancazzisti: i clandestini ci sono sempre stati, solo che li chiamavate ‘profughi’.

Parliamo di un business enorme che foraggiava migliaia di parassiti in giro per l’Italia. Gente che invece di essere assunta per, ad esempio, accudire i nostri anziani (poi dicono che mancano le badanti!) veniva pagata per coccolare i giovani fancazzisti africani in fuga dalla guerra in Siria:

"Se l' #azienda non chiarisce qual è il suo piano industriale e non spiega quali e quante figure professionali intende utilizzare non possiamo che dirci davvero preoccupati"#Cara #Mineo

Posted by CataniaToday on Wednesday, September 26, 2018




Un pensiero su “Finti profughi devono lasciare gli hotel: “Colpa di Salvini” – VIDEO”

  1. E INUTILE RIBADIRE DA PARTE DEI COMUNI E ASSOCIAZIONI CHE COCCOLANO TUTTA LA MERDA CHE SARANNO IRREGOLARI SENZA CONTROLLO E CHE POSSONO DELINQUERE E SPACCIARE PERCHE GIÀ LO FACEVANO ANCHE PRIMA QUINDI NON ROMPESSERO LA MINCHIA E VAFFANCULO TUTTI I FANCAZZISTI DEL CAZZO CHE VADANO VIA NON CE LI VOGLIAMO.

Lascia un commento