Migrante molesta clienti, buttafuori lo gonfia – FOTO

Condividi!

E ora il fratello si lamenta. Nabil, 21 anni, dopo la serata al Millenium, locale di Bologna, alle 3 del mattino è stato trasportato d’urgenza all’ospedale Maggiore dal 118. 

VERIFICA LA NOTIZIA

La madre del giovane migrante molesto si è recata dai carabinieri di Budrio per denunciare il buttafuori.

Questo il racconto del fratello, riportato da ‘Il Resto del Carlino’: “Lo ha ridotto così un buttafuori” – dice – “Mio fratello era assieme a un amico a passare la serata nel locale. Aveva bevuto un po’ ed era un po’ molesto, dava fastidio. Così gli hanno chiesto di andarsene. E, assieme all’amico che era con lui, è uscito fuori dal locale”.

La testimonianza dei gestori del locale è diversa: “Nabil Ha iniziato a prendere a calci una macchina, spaccando uno specchietto”. E, solo allora, sarebbe intervenuto il buttafuori della security, per calmarlo: “lo ha schiaffeggiato” e basta.

Ma il fratello accusa: “Lo ha massacrato. Lo ha preso a pugni in faccia e Nabil è caduto. Poi, quando era già a terra, lo ha preso a calci in bocca. Una cosa terribile”.

Prima regola: non molestare.

Già prima dell’episodio che ha coinvolto Nabil, la polizia era intervenuta, intorno alle 2, arrestando un colombiano, che aveva prima aggredito altri due stranieri (un senegalese di 30 anni aveva rifiutato le cure del 118, arrivato sul posto) e poi aveva litigato con degli agenti. “Forse il buttafuori era già nervoso per il primo episodio – ipotizza il fratello di Nabil – Ma malgrado mio fratello fosse ubriaco, pure fastidioso magari, non si riduce una persona in quello stato. Non è umano e non è accettabile”.

Bella, la società multietnica. Voi state con Nabil o con il buttafuori?




2 pensieri su “Migrante molesta clienti, buttafuori lo gonfia – FOTO”

  1. 😠👺👹😈 SI NON SI RIDUCE COSÌ UNA PERSONA NON È UMANO ” MA GLI IMMIGRATI DEL CAZZO SI POSSONO PERMETTERE DI DROGARE RAGAZZINE DI SPACCIARE MORTE DI DELINGUERE DI UCCIDERE ITALIANI” ANDATE A MORIRE TUTTI SCHIFOSI IMMIGRATI ANCORA NE AVRETE PER POCO

Lascia un commento