Desirée: anche 4° stupratore con permesso umanitario e 10kg di droga in valigia

Condividi!

Anche l’ultimo immigrato che ha drogato, stuprato e ucciso Desirée Mariottini è un africano con la protezione umanitaria. Un ghanese in fuga da una guerra immaginaria.

VERIFICA LA NOTIZIA

Si chiama Yusif Salia, e ha 32 anni. Il suo permesso di soggiorno per motivi umanitari è scaduto quattro anni fa. Ma, nonostante questo, Yusif è rimasto nel nostro Paese. In tutti questi anni, i governo PD che si sono succeduti, dopo averlo accolto, non hanno ritenuto fosse il caso di espellerlo.

Lo scorso 27 marzo, Yusif era stato accompagnato dal personale del Commissariato di San Lorenzo all’ufficio immigrazione della questura di Roma per l’identificazione. Ma invece di essere espulso, era stato invitato a presentarsi in questura a Napoli, ufficio immigrazione, per regolarizzare la posizione. Regolarizzare la sua posizione!

Vedete, se i clandestini si rinchiudessero appena presi in campi di detenzione per poi essere accompagnati a casa loro, Pamela e Desirée sarebbero ancora vive. E non solo loro.

Yusif, come abbiamo scritto appena appresa la notizia, è stato arrestato a Foggia, nella baraccopoli di migranti a Borgo Mezzanone: quella dell’assalto ai poliziotti. Perché non la radiamo al suolo, Salvini, che aspettiamo?

Il suo obiettivo, secondo quanto fanno sapere gli inquirenti, era quello di fuggire all’estero. Al momento dell’arresto avrebbe avuto con sé dieci chili di droga.

Cosa avete fatto, voi del Pd. Dovete sparire.

Commento da leggere:

<<Esseri pseudo-umani, sbarcati in Italia senza averne diritto, si impossessano di beni di cittadini, li occupano e lì…

Posted by Azione Identitaria on Friday, October 26, 2018




Lascia un commento