Il magistrato rosso arruola profughi in Procura!

Condividi!

L’ultimo scempio del magistrato rosso Spataro prima di andare in pensione, sarà sostituire possibili dipendenti italiani con ‘volontari’ richiedenti asilo mantenuti dai contribuenti.

VERIFICA LA NOTIZIA

Domani, il procuratore capo di Torino Armando Spataro e la cooperativa sociale Ariel firmeranno un protocollo di intesa. L’iniziativa è destinata a stranieri in attesa di definizione della loro richiesta di asilo, quindi clandestini nel 94% dei casi, saranno impiegati negli uffici della procura. Gente della quale si sa nulla negli uffici della Procura!!!

“In base all’accordo – informa il rosso Spataro in una bizzarra nota – il nostro ufficio, che soffre di carenza di personale amministrativo, potrà utilizzare per lavori materiali semplici da 4 a 6 volontari, previamente selezionati, ospitati presso centri gestiti dalla cooperativa, in attesa della decisione sulle loro istanze di asilo”. Il magistrato precisa che “nessun onere finanziario graverà sulla Procura di Torino e sul Ministero della Giustizia”. Infatti, gli oneri sono tutti già sulle spalle dei contribuenti.

Del resto la procura di Spataro è questa:

Magistrato: “Straniero va tutelato più degli italiani”, è rivolta

Ricordiamo che Spataro era procuratore capo a Milano, al tempo del richiedente asilo Kabobo. Uno, insomma, che i profughi li sa selezionare.

Spataro, il magistrato rosso invece degli spacciatori va a caccia di “razzisti”

Poi cosa, Spataro, gli spacciatori nei Sert? I pedofili negli asili? Quelli del Pd in una gioielleria?




Lascia un commento