Riace, Lucano fa la secessione e sfida la legge

Condividi!

Quindi abbiamo un sindaco sospeso e ai domiciliari (sicuramente qualche magistrato rosso lo farà uscire, visto che già oggi si comporta ai domiciliari come Escobar si comportava nelle carceri colombiane) per avere violato leggi, che rilascia interviste ad un giornale che negli ultimi anni ha ricevuto oltre 10 milioni di euro di finanziamenti pubblici, e annuncia che lui e i suoi clandestini continueranno a violare le leggi.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ma state tranquilli. Senza i fondi pubblici tagliati da Salvini, gli africani di Lucano si autogestiranno per 3 giorni, senza soldi se ne andranno. Perché il ‘modello Riace’ è questo: africani che vengono pagati dagli italiani per vivere a casa di Mimmo. Soldi che in parte finiscono anche a parassiti locali, il che spiega il silenzio di una parte di popolazione divenuta assuefatta al parassitismo in una zona della Calabria senza lavoro e opportunità.

Ps. Oltre la metà degli ospiti di Lucano ha la ‘protezione umanitaria’, abolita dal decreto Salvini, perché trasformava clandestini in finti profughi per sfamare le coop. Una volta che i loro permessini scadranno, dovranno andare. Non via da Riace, via dall’Italia.

Ps. Il governo commissari il Comune di Riace.




Lascia un commento