Francia, Salvini vuole nomi e cognomi clandestini scaricati in Italia

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
“Dopo il furgone della gendarmeria avvistato a Claviere stanno emergendo altri episodi inquietanti.
Non ci interessano le giustificazioni, peraltro ridicole, né le indagini interne avviate dai francesi. Parigi deve comunicarci immediatamente le identità degli immigrati lasciati nei boschi.
Nomi, cognomi, nazionalità, date di nascita”. Lo chiede il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. “La gendarmeria – chiede – è abituata a scaricare delle persone in mezzo al nulla? L’ha fatto anche con dei minori? Ci sorprende la timidezza dell’Europa e degli organismi internazionali, solitamente solerti a bacchettare l’Italia”.

“Faccio gli auguri di buon lavoro – prosegue – al nuovo ministro dell’Interno francese, Castaner, con l’auspicio possa controllare i suoi uomini meglio di quanto abbiano fatto i suoi predecessori”.

Mentre Italia, Francia e Germania litigano, gli afroislamici ci invadono. E’ tempo di un accordo che preveda l’immediato rimpatrio dei clandestini beccati alle frontiere invece di rimpallarceli.

Se questi tre Paesi agissero insieme, nessun Paese africano o asiatico potrebbe rifiutarsi di riprendersi i propri clandestini. Quando anche Francia e Germania avranno governo populisti, sarà realtà.




Lascia un commento