Clandestino morde agenti durante processo, violenza in tribunale

Condividi!

Un altro spacciatore nigeriano, clandestino, che aggredisce gli agenti.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’africano era stato arrestato all’interno della stazione ferroviaria di Bergamo, mentre spacciava: bloccato dopo un rocambolesco tentativo di fuga tra i binari e per i vagoni dei treni in transito.

Ma era solo l’inizio. Ieri mattina, durante il processo per direttissima, mentre si stava dando lettura alla sentenza che convalidava il suo fermo, l’extracomunitario – fingendo di non capire l’italiano e, quindi, di non aver compreso il verdetto – ha tentato di lasciare l’aula, provando ad allontanarsi dal tribunale.

Quando gli agenti sono intervenuti per bloccarlo, lui ha cominciato a dare sfogo a una violenza inaudita, prendendoli a calci, pugni e morsi.

Arrestato perla seconda volta in due giorni, l’immigrato irregolare è stato accompagnato in carcere; gli agenti feriti, invece, in ospedale.

Negli Usa i violenti vanno in tribunale in manette e ‘cavigliere’.




2 pensieri su “Clandestino morde agenti durante processo, violenza in tribunale”

  1. purtroppo qui siamo in Italia: se un poliziotto “osa” colpire un clandestino non con un proiettile ma con un pugno viene immediatamente processato e rischia di perdere il lavoro. Qui è la differenza tra USA e Italia ……

Lascia un commento