I Rom esigono il reddito di cittadinanza: “Tocca a noi” – VIDEO

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
“Daranno una mano non agli extracomunitari, ma a noi cittadini italiani”: è così che gli zingari di un campo nomadi nella periferia est di Milano, quello del baby rapper e della retata dell’altro giorno, commenta ai microfoni di “Stasera Italia” la possibilità di ricevere il reddito di cittadinanza.

Alcuni degli intervistati ammettono che lavorano ma, tanto, “è in nero”.

Molti confessano di vivere in dimore fisse nei campi, ma, tanto, “sono abusive”. Intanto, nel campo sono fiduciosi sul fatto che l’aiuto economico arrivi anche loro: “Speriamo che ci diano una mano”.

Molti di questi servizi sono direttamente appaltati da Silvio, per mettere in difficoltà l’alleanza Lega-M5s. In effetti il RdC è il punto più controverso dell’accordo, proprio perché rischia di finanziare la natalità di immigrati e zingari.

Salvini lo sa, e sta lavorando perché non accada. Ma per questo servono clausole che, senza indicare l’etnia o la cittadinanza – fino a che non cambiamo la Costituzione e non usciamo dalla Ue dovremo agire aggirandole perché è vietato aiutare prima gli italiani – escludano i non italiani e quelli posticci dagli aiuti. Anche perché, i contribuenti non tollererebbero di finanziare il fancazzismo dei campi nomadi.




Lascia un commento