Trascina bimbo italiano in campo profughi, violenza sessuale

Condividi!

E Mattarella non ha ancora firmato il decreto! Complice.

VERIFICA LA NOTIZIA

Terrificante pomeriggio, ieri ad Aversa. Un bambino di 8 anni è stato attacco da un richiedente asilo in cerca di sesso.

L’immigrato pakistano ha tentato di abusare del bambino. L’aggressore, assiduo frequentatore della Caritas (complici che facilitano la presenza sul territorio di questi criminali come il sindaco di Riace), ha avvicinato il piccolo e lo ha trascinato in un ex centroex campo profughi: lì si è spogliato, mostrando i genitali, e ha tentato di palpeggiarlo. Il bimbo è incredibilmente riuscito a fuggire e, una volta a casa, ha raccontato tutto alla madre. La donna ha sporto denuncia. La scena è stata ripresa dalle telecamere del Comune.

Il bambino è riuscito a fuggire ma gli atti di notifica che le forze dell’ordine hanno consegnato al pakistano contestano, purtroppo, la violenza sessuale e non la tentata violenza.

I Carabinieri di Aversa hanno identificato l’uomo e lo hanno arrestato per strada, dopo averlo cercato presso la Caritas. Non si tratterebbe di un episodio isolato. Il pakistano, infatti, secondo alcuni residenti della zona, avrebbe già inscenato altre volte lo stesso copione. Una 13enne del parco Pozzi ha raccontato una storia simile accaduta qualche giorno fa nello stesso luogo.

I due bambini saranno seguiti da uno psicologo. Lo straniero è stato fermato con l’accusa di violenza sessuale e trasferito a Poggioreale




Lascia un commento