Vescovi senza vergogna, per loro terrorismo islamico non è reato grave

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, dice di non aver ancora “approfondito” bene il decreto Salvini. Ma intanto lo ha criticano, intimando il sostanziale ‘ritiro’. Ridicolo.

A far inorridire è anche un altro stralcio delle dichiarazioni di Bassetti: “La cittadinanza – ha detto il vescovo – verrebbe revocata anche per reati non gravissimi. Mi sembra che sia molto restrittivo”.

Quindi, secondo i vescovi, il terrorismo islamico non è un reato grave. Perché la “revoca della cittadinanza” è prevista, purtroppo aggiungiamo noi, solo in un caso, ovvero quando lo straniero si sia macchiato di “reati di terrorismo accertati con sentenza definitiva”.

“La revoca – spiegava il ministero – viene adottata con decreto del Presidente della Repubblica su proposta del Ministro dell’Interno, entro tre anni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna per i reati in parola”. Un lapsus? Forse. Un errore del vescovo? Si spera. Di certo un jihadista non può essere considerato un criminale che ha compiuto un “reato non gravissimo”.




Lascia un commento