L’ultima dei trafficanti Aquarius(2): “Ci sono le onde, fateci attraccare”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
A bordo della Aquarius “abbiamo 58 persone che sono state soccorse fra giovedì e sabato. Abbiamo avuto bel tempo, situazioni ideali per le partenze. In questo momento però le condizioni meteo stanno peggiorando e nelle prossime ore aspettiamo mare con onde fino a cinque metri, quindi diventa per noi molto importante, fondamentale, riuscire a trovare un porto per sbarcare in sicurezza tutte queste persone”. Inizia la solita nenia dei trafficanti umanitari della Aquarius (2), in un video pubblicato sull’account Twitter di SOS Mediterranee.

Ricordiamo che la nave è una ex nave attiva nei mari del nord, progettata proprio per onde alte cinque metri. E che può contenere centinaia e centinaia di persone. Quindi non hanno alcun problema a navigare in questo condizioni. E comunque: c’è la Tunisia. O dovevate lasciare i 58 clandestini alla guardia costiera libica.

Poi le menzogne: “In questi giorni abbiamo tentato più volte di andare verso nord per uscire dalla zona Sar, ma siamo stati richiamati indietro da eventi, soccorsi che poi non sono stati terminati a causa di una totale mancanza di coordinamento con la guardia costiera libica, che non ha mai risposto alle nostre chiamate di soccorso”, prosegue il soccorritore nel filmato, aggiungendo che “Siamo dovuti passare attraverso la guardia costiera italiana, che però poi non ha preso in carico la situazione”.

Gli ‘eventi’ sono le telefonate del prete trafficante eritreo. Ma ogni volta, i trafficanti umanitari sono stati anticipati dalla guardia costiera libica che ha catturato oltre 200 clandestini.

“Per ora, la Francia dice no”: il ministro francese dell’Economia, Bruno Le Maire, intervistato da Bfm-Tv-Rmc, ha risposto così alla domanda se la Francia fosse pronta ad accogliere la richiesta dell’Ong Sos Méditerranée di aprire il porto di Marsiglia. “A questo stadio non siamo stati contattati dalle autorità francesi su questa questione”, ribadisce la portavoce della Commissione. “In termini legali, anche se non ha bandiera europea, l’Aquarius può chiedere di sbarcare negli Stati membri e gli Stati membri possono autorizzarlo”, ha continuato, augurandosi che “una soluzione sia trovata”.

Durante il video, il trafficante umanitario parla anche del caso della bandiera. “Panama, sotto pressioni italiane, ci vuol far revocare la bandiera – sottolinea -. Le accuse che ci vengono rivolte sono quelle di non aver consegnato le persone soccorse ai libici. Facendo questo noi avremmo violato la convenzione di Amburgo e la convezione di Ginevra. La realtà che viene raccontata è molto diversa dalla realtà dei fatti”.

La realtà è che siete una nave illegale. Fuggite a Marsiglia dal vostro padrone Macron. L’Italia, per voi, è chiusa.




Lascia un commento