Aquarius, la nave illegale accusa Salvini: “Ci ha tolto bandiera”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Nessuna pressione del Viminale su Panama, che toglie la bandiera alla nave illegale Aquarius2 come aveva già fatto Gibilterra. Il motivo, come aveva già scritto il governo di Panama, è che agiscono in maniera illegale.

“E evidente – dice il ministro dell’Interno Salvini – che nessun Paese voglia
prendersi la responsabilità di essere identificato con una nave che intralciale operazioni di soccorso in mare, rifiuta il coordinamento con la guardia costiera libica, attacca alcuni governi democratici come quello italiano, pretende di distribuire dei clandestini in Europa”.

In serata, i trafficanti umanitari che gestiscono la nave pirata, Sos Méditerranée e Medici Senza Frontiere (Msf), avevano millantato le pressioni con un comunicato dal tono delirante:

“sconvolte dall’annuncio da parte dell’Autorità marittima di Panama di essere stata costretta a revocare l’iscrizione dell’Aquarius dal proprio registro navale sotto l’evidente pressione economica e politica delle autorità italiane”.

Proprio oggi, la nave illegale ha prelevato clandestini in Libia sottraendoli alla guardia costiera locale. Un atto di vera e propria pirateria. Un gesto che dovrebbe comportare l’abbordaggio da parte della missione Ue e il sequestro della nave:

+++E' ACCUSATO DI TENTATO OMICIDIO E LESIONI AGGRAVATE: I FATTI+++

Posted by IlPiacenza on Saturday, September 22, 2018

La #Aquarius di SOS MEDITERRANEE Italia e Medici Senza Frontiere è entrata chiaramente in acque libiche (19,5 miglia…

Posted by Francesca Totolo on Sunday, September 23, 2018

Sembra che la #Aquarius di SOS MEDITERRANEE Italia e Medici Senza Frontiere, abbia fatto rotta verso nord.Cosa succederà agli 11 "migranti sequestrati" a bordo?Francesca Totolo

Posted by Francesca Totolo on Sunday, September 23, 2018

Per giorni dalla Libia non è partito nessuno, poi è arrivata Aquarius: è evidente che agiscono su appuntamento. Siamo in presenza di trafficanti umanitari.




Lascia un commento