Vescovo contro Bergoglio: “Tradite i martiri”

Condividi!

Bergoglio come Google, pur di fare affari – in questo caso con le anime – in Cina, è pronto a tradire i martiri che in questi anni hanno sofferto la repressione del governo capital-comunista cinese.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il Vaticano e la Cina sono in trattative avanzate per forgiare quella che sarebbe una svolta storica per una ripresa nelle relazioni diplomatiche dopo 70 anni, con il segretario di Stato Pietro Parolin tra i principali negoziatori.

Il Vaticano potrebbe inviare una delegazione in Cina entro la fine di questo mese. Se l’incontro andrà bene, potrebbe essere raggiunto un accordo sulla nomina dei vescovi. Ad oggi il governo cinese non riconosce e perseguita i vescovi nominati da Roma e ne nomina di propri. Un po’ quello che accade con i buddhisti tibetani.

Il cardinale Joseph Zen, il religioso cattolico più anziano sul suolo cinese, attacca: “Stanno portando il gregge verso la bocca dei lupi. È un incredibile tradimento”, ha detto.

Ha descritto Parolin, il diplomatico di più alto rango in Vaticano, come qualcuno che disprezza gli eroi della fede.

“Dovrebbe dimettersi”, ha detto Zen a Reuters nella sua casa su una collina boscosa sull’isola di Hong Kong.

“Non penso che abbia fede. È solo un bravo diplomatico in un significato mondano e secolare.”

Zen è andato vicino a chiedere a papa Francesco di dimettersi, dicendo: “Non vorrei combattere il Santo Padre, questa è la mia linea di fondo”.

“Le conseguenze saranno tragiche e durature, non solo per la chiesa in Cina, ma per l’intera chiesa perché danneggia la credibilità. Forse è per questo che potrebbero mantenere l’accordo segreto. ”

I circa 12 milioni di cattolici cinesi sono divisi tra una Chiesa sotterranea che giura fedeltà al Vaticano e l’Associazione Patriottica Cattolica sotto il controllo dello Stato.




Lascia un commento