Reporter di sinistra pestata da immigrati: diventa di destra

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
La youtuber francese Tatiana Ventôse, esponente della blogosfera di sinistra, si è convertita dopo la brutale aggressione di cui è stata vittima nella metro parigina, da parte di un gruppo di nordafricani.

Come se dopo un pestaggio da parte di africani, Saviano si iscrivesse alla Lega.

Per denunciare quanto accaduto ha realizzato un video:

E ai suoi ex compagni che l’accusano di ‘razzismo’, contesta di vivere in una “bolla privilegiata” in cui non esistono immigrati. Che non si rendono conto come “Parigi sia diventata una città del terzo mondo”.

«Les gens vivent dans le déni»: vivono nella negazione, ha detto.




3 pensieri su “Reporter di sinistra pestata da immigrati: diventa di destra”

  1. Certo, queste stupide di sinistra se non ci rimettono personalmente non capiscono che rovinano il futuro di tutti gli europei facedonci invadere da questi selvaggi affamati di sesso….!
    Povere bambine ed anziane con questi in giro….!

  2. Tre considerazioni, senza bisogno di scomodare Leonardo da Vinci:
    1- Ma guarda! La ragazzotta francese bolscevic chic è scesa dalla pianta non appena l’esperienza è toccata a lei.
    Il bovinismo dei sinistronzi non manca mai di far senso!!;
    2- In Cina, fra i residui paradisi sulla Terra del “Siamo tutti uguali”, gli arabi sono considerati meno uguali degli altri e col caxxo che li vogliono fra di loro…
    Cosa aspettano i nostri buonisti del menga (… si, campa cavallo!) ad inviare una delegazione che vada laggiù a versare lacrime di sdegno e a dire che “Non è cosi che si fa!”??;
    3- I propositi di establishment e comunistaglia, fisiologicamente agli antipodi, convergono ad imbuto verso lo stesso repellente obiettivo di società-mandria massificata e multirazziale.
    L’inno geopolitico dei rossi, bacucco ma sempre in giro, fotografa l’identità d’intendimento, chiudendosi con le testuali parole: “L’internazionale di Lenin futura umanità”.
    Chiaro, no??! Filosofie diverse ma identico, spregevole fine.

Lascia un commento