Blitz nel campo nomadi: ritrovato cane rapito 3 anni fa

Condividi!

Come spiegano bene i media di distrazione di massa e le associazioni che si occupano degli zingari, loro non rapiscono i bambini e gli animali.

VERIFICA LA NOTIZIA

Quindi deve essere un caso se poi li trovano nei campi nomadi. Come accaduto a Baranzate, il comune più multietnico d’Italia.

La padrona ha pianto dalla gioia quando gli agenti le hanno riportato il suo chihuahua sparito anni prima: rapito durante un furto. Rapito da “loro’.

Durante il controllo avvenuto nella mattinata di mercoledì 19 settembre all’interno del famigerato campo nomadi di via Monte Bisbino, a Baranzate (Milano), la polizia ha infatti trovato un chihuahua rapito nel 2015 durante il furto in un appartamento di Bergamo. L’animale è stato identificato grazie al microchip e restituito alla proprietaria: era ormai convinta che fosse morto e alla notizia è scoppiata in lacrime.

La domanda che ci poniamo: cosa aspettate a radere al suolo il campo nomadi ed espellere tutti i suoi ospiti? E’ possibile che si continui a sopportare la presenza di criminali sul territorio?

Durante il controllo è stato arrestato Giuliano Giorgevich, di 36 anni, destinatario di una condanna a 2 anni e 10 mesi per un cumulo pene emessa dalla corte d’Appello di Milano. Si nascondeva sotto al letto matrimoniale (sul quale dormivano i tre figli) all’interno di una roulotte.

Sono stati accompagnati in questura per essere identificati tre uomini e due donne, una delle quali è stata denunciata per ricettazione.

Il bilancio finale è di 97 persone identificate (di cui 41 uomini, 43 donne e 13 minori), di nazionalità croata, rumena, italiana ed alcuni apolidi, tutti nomadi di etnia rom.

Sono nomadi? Che nomadino. E che lo facciano fuori dai coglioni: vogliamo le ruspe. Esigiamo le ruspe.

Ps. L’articolo va sotto la categoria “animali”, e tutti voi sapete perché.




Lascia un commento