La stupra sulla spiaggia, poi si fa pagare “prestazione”

Condividi!

I militari della compagnia di Arenzano lo hanno identificato in seguito alla denuncia di una ragazza genovese, aggredita e violentata sul lungomare di Pegli all’alba di lunedì.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il marocchino di 31 anni, pregiudicato e senza fissa dimora, è stato arrestato dai carabinieri per violenza sessuale e rapina.

Dopo la violenza, l’uomo, B.M. le sue iniziali, clandestino sul territorio nazionale, le ha rubata il telefono cellulare e il denaro in contanti che aveva con sé. Dopo l’arresto, è stato tradotto presso la casa circondariale di Genova Marassi. Ma niente evirazione.




Un pensiero su “La stupra sulla spiaggia, poi si fa pagare “prestazione””

Lascia un commento