Bande di minorenni immigrati a caccia di ragazze italiane

Condividi!

Le gang di immigrati terrorizzano la città di Schio, come ha più volte denunciato Alex Cioni, del comitato cittadino Prima Noi.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ieri notte “ignoti” hanno devastato le fioriere decorative dei commercianti della centrale via Capitano Sella.

Venerdì sera un barista di 54 anni è stato pestato da un gruppo di nordafricani: 30 punti di sutura tra testa e collo.

In piazza Falcone e Borsellino, nel corso della manifestazione “September fest”, bande di maghrebini hanno invece pesantemente molestato le ragazze in scene che echeggiano quanto accaduto a Colonia: le ragazze italiane sono state palpeggiate sul culo dai migranti.

Uno di loro, alla vista degli agenti ha mostrato tutto il senso di impunità che ormai dilaga tra i figli degli immigrati: ha insultato e rifiutato di fornire le proprie generalità e così è stato denunciato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale e multato per ubriachezza.

«Non ho niente da rimproverare alle forze dell’ordine, il problema – spiega il sindaco Valter Orsi – è di numeri e va affrontato con la collaborazione di chi ha competenza nella sicurezza gestita dallo Stato. Come sindaco ho le mani legate, sto investendo tutti i soldi che posso mettere a disposizione della mia gente. Ma la legge, con il blocco delle assunzioni, mi vieta di assumere altri agenti che sarebbero necessari. A Schio c’è un vigile ogni 2.300 abitanti, mentre la media nazionale è di uno ogni 1.000. Servirebbe un commissariato in città».

Non servono più agenti. Servono meno immigrati.




Un pensiero su “Bande di minorenni immigrati a caccia di ragazze italiane”

Lascia un commento