Chiese vendute per diventare moschee, croci abbattute

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
La Chiesa è sempre più simile ad una grande Ong, così i fedeli diminuiscono e le chiese vengono dismesse.

L’ultimo clamoroso caso è la messa in vendita della chiesa di Meurthe-et-Moselle, comune di Longwy, nel nord-est della Francia, diocesi di Nancy.

Italia: chiudono le chiese e aprono le moschee

La chiesa di San Giulio è in vendita per 190mila euro, proposta dalla Curia, che ne è proprietaria, come «loft da sviluppare». «Può sembrare strano ma bisogna attirare clienti», spiega Robert Marchal, ex vicario generale. Clienti. Che spesso sono musulmani che trasformano le chiese in moschee.

Dall’inizio dell’anno l’Osservatorio del patrimonio religioso (Opr) ha contato 30 chiese in vendita nella sola Francia.

In Gran Bretagna vengono chiuse una ventina di chiese l’anno. Bacup Christ Church, diocesi di Manchester: 125mila sterline (140mila euro), chiesa di Preston Emmanuel (anno 1868) diocesi di Blackburn, 250mila sterline (280mila euro).

Negli ultimi 15 anni, 500 chiese di Londra, dove il mercato immobiliare è ‘on fire’, sono diventate case.

E’ la tempesta perfetta tra nichilismo e sovversione demografica.

Lo dimostra la trasformazione delle chiese in moschee. Dalla Holy Trinity Catholic Church di Syracuse, nello stato di New York, dove per far spazio alla nuova moschea sono state distrutte le croci trovate nell’edificio religioso:

Bergoglio vende chiesa a Islamici che la trasformano in moschea

Fino a Sesto Fiorentino, dove la Curia ha venduto alla comunità islamica, lo scorso dicembre, un terreno di 8mila metri quadrati per la realizzazione di una grande moschea.




Lascia un commento