Milano, 6mila euro a chi accoglie 1 immigrato in famiglia

Condividi!

Tanto è costato ai contribuenti il piano del Comune per ogni ‘profugo’ accolto

Flop annunciato del famigerato bando del Comune di Milano per i ‘profughi in famiglia’: solo 15 cuckold hanno aderito al piano, e i contribuenti hanno speso 88mila euro.

VERIFICA LA NOTIZIA

Al progetto «Rifugiato in famiglia», infatti, in oltre due anni e mezzo, hanno aderito solo 15 famiglie milanesi (diversi sono immigrati che arrotondano i sussidi), ospitando 17 presunti profughi. E attualmente sono attive solo due (2!) accoglienze di persone aventi protezione umanitaria. Per una spesa di 88 mila euro: 6mila euro a profugo. Un po’ caro come affitto.

E’ stato lo stesso assessore Majorino ad ammetterlo nella risposta protocollata e indirizzata al consigliere comunale di opposizione Silvia Sardone: «Dopo due anni e mezzo – commenta Sardone – il progetto si è rivelato un flop totale visto che hanno aderito solo 15 famiglie, a fronte di una folle spesa da 88mila euro complessivi». «Majorino – continua Silvia Sardone – aveva anche detto che il costo totale del progetto sarebbe stato di 42mila euro, e invece la spesa è salita a più del doppio», e accusa l’assessore di essere «sempre in prima fila quando c’è da scendere in piazza per gli immigrati e defilato quando di mezzo ci sono gli italiani in difficoltà».

«Vorrei capire – attacca – dove sono tutti i radical chic pronti a sbraitare per l’accoglienza dei profughi, come mai a casa loro non ne accolgono? Certo, per loro è più comodo parlare dai palazzi del centro e lasciare i problemi alle periferie».




Lascia un commento