Profughi spacciavano davanti a questo hotel che li ospitava

Condividi!

Per mesi hanno spacciato droga, anche cocaina, ai ragazzini del paese. E lo avrebbero fatto in piazza, davanti al municipio e all’hotel dove erano ospitati come richiedenti asilo a spese nostre.

Era stato il sindaco, dopo aver verificato di persona movimenti sospetti a fianco dell’hotel, a chiedere aiuto ai carabinieri: dopo mesi di appostamenti e indagini, hanno scoperto almeno un centinaio di episodi di spaccio, denunciando sette giovani fancazzisti africani.

Non fuggono dalla guerra, vengono a spacciare morti ai vostri figli.

Lo spaccio a Montegalda, dove la prefettura ha poi deciso di chiudere l’hotel Miravalle che dava accoglienza ad una ventina di questi spacciatori.

VERIFICA LA NOTIZIA

La procura, con il pubblico ministero Serena Chimichi, ha chiuso le indagini e si appresta a chiedere il processo per sette profughi: si tratta di un gambiano di 21 anni e di sei nigeriani tra i 20 e i 30 anni. Devono rispondere di spaccio di stupefacenti, aggravato dal fatto di aver ceduto sostanze a minorenni.

Vogliamo aerei carichi di questi finti profughi – il 95% sono soldati della mafia nigeriana – verso casa loro.




Lascia un commento