Scamarcio e Lucci stanno con Salvini: “Sinistra non esiste più”

Condividi!

La ex sinistra – che non è mai stata popolare, ma radical ed elitista -, sta perdendo anche l’ultima sua ridotta, il mondo dello spettacolo:

“Salvini ha detto che governerà per trent’anni, ma con la sinistra che abbiamo in Italia, ho il sospetto che possa governare per trenta secoli”. È questa la profezia di Enrico Lucci, giornalista e personaggio televisivo, nonché ex comunista convinto, anche lui ormai miscredente nei confronti “di quel partito che, con l’arrivo di migliaia di disperati, ha creato una guerra tra poveri”. “I reietti che credevano nella sinistra non si sono sentiti difesi e per questo si sono rivolti a chi promette di difenderli. Salvini l’ha capito, ha capito come si comunica, tant’è che un suo tweet vale più di 700 discorsi di Bersani”, continua il conduttore di Nemo.

Ex comunista, Enrico Lucci incorona Salvini: "Ecco cosa ha capito". Poi umilia Bersani: "Oggi un tweet del leghista…"….

Posted by Libero on Wednesday, September 5, 2018

Ma l’invettiva non finisce qui: “Bisogna avere le palle di dire che un italiano, in attesa della Casa Popolare da 15 anni, ha più diritti di una persona in arrivo dal Ghana. La sinistra non ha nemmeno avuto i coglioni di mandare le navi militari in Siria e salvare chi stava scappando da guerre vere e torture”.

E:

Già nei mesi scorsi Riccardo Scamarcio aveva parlato, e bene, del governo Conte.

All’attore piace il programma di Lega e Movimento 5 Stelle, riconoscendo specialmente a Matteo Salvini, l’anima nazionalista dell’esecutivo giallo-verde. Un’anima volta alla difesa della madrepatria che ha conquistato il volto del grande schermo italiano.

Oggi il 38enne pugliese, protagonista al festival del cinema di Venezia – che lo vede tra i protagonista de “I villeggianti”, il nuovo film di Valeria Bruni Tedeschi – è sceso a modo suo in campo in occasione di un’intervista rilasciata all’Huffingtion Post.

“Io mi schiero, l’ho sempre fatto nella mia vita”. E alla domanda del giornalista, che gli chiedeva un giudizio sul governo Conte e lo stato di salute della politica nostrana, Scamarcio ha risposto in modo ficcante e articolato: “Voglio partire da un punto fondamentale: il fatto che questo governo sia il primo governo dopo trent’anni che dica – poi vedremo se lo farà – di rinazionalizzare i beni pubblici, ecco, io penso che solo per questo che questo meriti un grandissimo rispetto. Rinazionalizzare i beni pubblici è un punto fondamentale. Poi possiamo discutere su altre questioni, che su alcuni casi l’approccio e i toni usati potrebbero essere diversi – questo sì, si può dire – ma da qui a sentenziare e a essere ‘contro e con’, è una cosa veramente sbagliata”.

Poi, prima di parlare di cinema, una rammaricata stilettata alla sinistra italiana: “Mi dispiace che purtroppo la sinistra non sia mai esistita in questo Paese- non esiste più da anni oramai – da quando non c’è più Berlinguer”.

Ormai alla sinistra della Boldrini, che odia il popolo e ama il ‘migrante’, ma solo perché è un mezzo per il fine di scardinare la società occidentale, rimangono solo i miliardari. Ma i soldi non comprano le idee.




Un pensiero su “Scamarcio e Lucci stanno con Salvini: “Sinistra non esiste più””

  1. Non esiste più? ….E dagli con questo ”dividi et impera”….
    Ci sono i Minchioni 5 Sinistri…e gli utili idioti a seguito che ancora credono a Babbo Natale..
    che quest’anno verrà quindi a cagare sotto il loro alberello.
    Vi mostro la luna, ma voi guardate solo il mio dito indice.

Lascia un commento