Diciotti, rivolta fedeli contro la Chiesa: “Date le case agli italiani”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
E’ ormai rivolta dei fedeli contro la Chiesa Spa, dopo la scoperta di un incredibile patrimonio immobiliare di case, lasciate sfitte in attesa degli immigrati:

Il Vaticano ha accolto 100 migranti della Diciotti. Il sottosegretario Cei spiega l'accordo con il Viminale [LEGGI]

Posted by Il Fatto Quotidiano on Sunday, August 26, 2018

A fare deflagrare la protesta il caso Diciotti con la CEI che si è impegnata ad accoglierli in tutta Italia. In città dove ci sono centinaia di famiglie italiane senza una casa. Molte che vivono in auto: per le quali, quelle case, prima non c’erano.

A Taranto, città in perenne crisi, la Curia è sotto accusa: ha subito aspre critiche e insulti tramite i social network dopo la disponibilità manifestata dall’arcivescovo Filippo Santoro ad accogliere nelle strutture della Diocesi parte dei clandestini della Diciotti ospitati a Rocca di Papa.

Con l’arcivescovo, e non coi suoi cittadini, ovviamente, si schiera il sindaco.

Vox rinnova il suo appello: prima di nazionalizzare Autostrade, nazionalizziamo il patrimonio immobiliare del Vaticano. Che del resto hanno accumulato con i soldi degli italiani.

Tutte le case sfitte della Chiesa basterebbero per dare sistemazione ai 38 mila terremotati e alle altre migliaia di senzatetto italiani, oltre 20 mila.

Perché Bergoglio e le Diocesi italiane non aprono le loro strutture a questi disperati?

Perché il vescovo di Taranto non ospita qualche senzatetto italiano – e a Taranto ce ne sono tanti -, invece dei maschi scesi dalla Diciotti?

Perché il Vaticano lavora per la sostituzione etnica degli italiani. E ci guadagna anche.




Un pensiero su “Diciotti, rivolta fedeli contro la Chiesa: “Date le case agli italiani””

  1. Una confisca dei beni posseduti dal Vaticano, come quella fatta con le leggi eversive del 1866? Non male come idea, anche perché questa Chiesa odierna di cattolica ha solo il nome, per cui non ci sarebbe nulla di immorale.

Lascia un commento