Salvini avvisa Guardia Costiera: ​”Controlli acque italiane, no maltesi”

Condividi!

Matteo Salvini attacca la Guardia Costiera che ha prelevato i clandestini in acque di competenza maltesi: “Non ho capito perchè una nave italiana sia andata in acque maltesi, già Malta si volta dall’altra arte dicendo di andare in Italia. Che le navi italiani controllino le nostre acque”, ha attaccato in un’intervista a Rtl 102,5.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Non temo l’intervento del Colle. Io non temo nulla, ho coscienza a posto, lavoro benissimo con il premier Conte, c’è una perfetta sintonia. Ieri mi ha chiesto informazioni e io gliel’ho date mentre da ministro e da padre stavo dando indicazioni per far scendere i minori dalla nave Diciotti”.

“Con Di Maio lavoro bene, è una persona seria, qualcun altro invece ha tanto tempo per parlare. Mi pare che Fico, ad esempio, faccia e dica l’esatto contrario di quanto fanno e dicono altri esponenti della Lega e dei Cinque stelle”. Poi manda un messaggio ai pm che hanno aperto un’indagine: “Se qualcuno mi vuole indagare e qualche procuratore mi vuole interrogare, sono pronto anche domani mattina a spiegare le mie ragioni… Ognuno fa il suo lavoro con coscienza, sono un dipendente pubblico e da ministro dell’Interno mi occupo di sicurezza”.

“Voi sapete che in Australia c’è il principio del ‘No way’: nessuno di coloro che vengono presi in mezzo al mare mette piede sul suolo australiano. A questo si dovrà arrivare”.




Lascia un commento