Salvini spezza l’accoglienza, stipendio dimezzato ai profughi

Condividi!

Salvini prosegue nella stretta – parziale – al business dell’accoglienza: il famigerato Cara di Mineo, centro di lusso in provincia di Catania, passerà da 3 mila a 2 400 ospiti e il costo giornaliero per immigrato (stipendio sotto forma di vitto, alloggio e paghetta) scenderà dai 29 euro ai 15 euro.

VERIFICA LA NOTIZIA

Matteo Salvini, durante l’incontro in giunta con il sindaco di Catania Salvo Pogliese, ha confermato che il Cara di Mineo sarà “meno oneroso e meno affollato”. Questo “comporterà risparmi superiori a 10 milioni di euro in un anno, sono felice di far risparmiare gli italiani”.

Nella nota diffusa dal Viminale nella quale viene spiegato che “va a conclusione il bando per il centro migranti di Mineo, con meno presenze, meno costi e tempi più brevi”, ribadisce qual è il suo vero obiettivo: la chiusura del centro d’accoglienza. Il piano di Salvini prevede i sigilli, visti i problemi igienico-sanitari e di sicurezza già presentati dalla struttura. “L’obiettivo finale resta la chiusura – conferma il ministro – ma stiamo dimostrando di aver imboccato la strada giusta. Dalle parole ai fatti”.

Buono. Ma non abbastanza. Questi centri vanno chiusi, gli ospiti rimpatriati. I centri trasformati in centri di detenzione clandestini da espellere.

Non è tollerabile che l’Italia mantenga centinaia di migliaia di finti profughi.

Mineo: immigrati fanno affari esentasse, il villaggio è duty free – VIDEO




Lascia un commento