Diciotti, Salvini blocca tutti a bordo, poi l’annuncio – VIDEO

Condividi!

Salvini non molla. Nessuno sbarco dalla nave Diciotti, arrivata ieri sera a Catania con 177 clandestini prelevati in acque di competenza maltese.

VERIFICA LA NOTIZIA

Nessun clandestino, ribadiscono più fonti, lascerà il pattugliatore della Guardia Costiera, accusata da Gefira di contatti diretti con gli scafisti libici, in attesa della ripartizione tra i Paesi del’Unione europea. Questo perché la stessa Ue impedisce il ritorno dei clandestini in Libia: siamo a sovranità limitata.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, dicono al Viminale, non ha dato né darà alcuna autorizzazione all’attracco della Diciotti finché non avrà certezza che i clandestini a bordo andranno altrove.

Sul caso, fa sapere una portavoce della Commissione Ue per la sostituzione etnica, “i contatti con gli Stati membri sono ancora in corso, siamo al lavoro per trovare una soluzione al più presto”.

Sull’accoglienza dei clandestini l’Unione Europea non rispetta i patti, “non c’è”. Accusa Salvini, denunciando che dei 450 clandestini sbarcati a luglio a Pozzallo “solo la Francia ha mantenuto l’impegno, accogliendone 47 sui 50 promessi”. Gli altri Paesi – Germania, Portogallo, Spagna, Irlanda e Malta – ne hanno accolti “zero”. Il ministro invita poi l’Europa a indagare su La Valletta che, secondo i racconti dei clandestini, li accompagna verso l’Italia e poi “li abbandona in condizioni di pericolo”.

Sulla Diciotti ci sarebbero diversi minorenni e 28 di questi, secondo Save the Children, sarebbero non accompagnati. Ora vi mostriamo chi sono i ‘minori’ secondo i trafficanti umanitari di Save the Children:

BAMBINI A POZZALLO



Lascia un commento