Giornale dei Vescovi: “Ponte crollato metafora respingimenti”

Condividi!

Delirio puro. Mentre tutti si interrogano sulle responsabilità dietro il crollo del Ponte Morandi, il giornale dei Vescovi Avvenire ha la soluzione: il ponte è crollato perché è una metafora dei porti chiusi.

VERIFICA LA NOTIZIA

Abbiamo tagliato i ponti col Mediterraneo. Mare nostro, mare-muro, mare chiuso, mare armato e infine mare tradito. Con respingimenti, divieti di sbarco, operazioni di dissuasione tramite la Guardia costiera libica e con campi di detenzione/concentramento migranti gestiti e finanziati in conto terzi, il ponte si è spezzato.

Ed è quanto è accaduto a Genova, col ponte Morandi.

Avvenire a Salvini: “Non ci sono parassiti”, ma loro si sono mangiati 51 milioni di euro




Un pensiero su “Giornale dei Vescovi: “Ponte crollato metafora respingimenti””

Lascia un commento