Sindaco Lega dà le case dei profughi agli italiani: PD protesta!

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
La giunta Honsell (PD) aveva istituito un autonomo sistema di accoglienza (AURA – Accoglienza Udine Richiedenti Asilo), sistemando quasi 350 richiedenti asilo in comodi appartamenti sparsi per la città. Per lo più pakistani in fuga dalla guerra in Siria che si fiondavano in città proprio per questo motivo.

E’ il cosiddetto sistema dell’accoglienza diffusa.

Ma la nuova giunta leghista guidata da Fontanini ha deliberato la chiusura del sistema AURA con la volontà di liberare gli spazi per i bisognosi italiani: via 350 fancazzisti, dentro 350 italiani senza casa.

Tutti contenti? No, perché l’ex candidato sindaco di centrosinistra, il PD Vincenzo Martines, protesta contro questa decisione: “Il sindaco si appella a Salvini e intanto i giardini pubblici ridiventano dormitori. Invece di preoccuparsi e cercare di risolvere il problema, Fontanini continua ad appellarsi a qualcun altro: al ministro. Intanto l’accoglienza diffusa avrebbe posti a disposizione per i richiedenti asilo che non sanno dove andare (almeno fino a chiusura dell’attività prevista per fine anno), la Cavarzerani è sempre più piena, la gente dorme nei giardini. Il sindaco di udine dà la causa al “buonismo”, ma lui non trova soluzioni concrete. Con Fontanini riavremo i profughi per le strade”.

Questi non sono normali. Il posto dei pakistani che dormono ai giardini non sono le case degli italiani, è il Pakistan.




Lascia un commento