Genova, crollo ponti: la tesi dei tir stranieri sovraccarichi

Condividi!

Il ministro Toninelli rilancia, un’intervista televisiva, la denuncia di Dataroom di Milena Gabanelli: un collegamento tra il crollo dei viadotti e la concorrenza dei tir “polacchi”:

Crollo del ponte a Genova. Vi riproponiamo il Dataroom di Milena Gabanelli e Rita Querzè sul perché i ponti in Italia sono a rischio crollo e come prevenire

Posted by Dataroom di Milena Gabanelli on Tuesday, August 14, 2018

Secondo lo studio i tir polacchi (non italiani) viaggiano sovraccarichi sollecitando in modo eccessivo i nostri viadotti. Mettendoli a rischio crollo.

In mattinata, sempre il ministro, aveva dichiarato al Tg1: «In questi 60 giorni di governo abbiamo dato immediatamente mandato di lavorare su manutenzione e messa in sicurezza dei viadotti e al loro monitoraggio attraverso dei sensori. Quasi tutti, costruiti tra gli anni ’50 e ’70 hanno bisogno di manutenzione ordinaria. Questo governo mettera’ i soldi proprio li’, per evitare che capitino ancora tragedie di questo tipo. Da cittadino italiano mi dispiace constatare che su queste infrastrutture non sia stata fatta tale manutenzione e questi fatti ne sono la testimonianza».




Un pensiero su “Genova, crollo ponti: la tesi dei tir stranieri sovraccarichi”

  1. Accadde in Austria anni fa che un carico eccezionale per peso disallineò una campata del viadotto autostradale alcuni chilometri dopo del confine di Tarvisio.
    Non so quali interventi fecero e l’autostrada è attualmente ancora transitabile.
    Il traffico pesante che attraversi l’Austria deve procedere con il trasbordo sui treni.
    .

Lascia un commento