Profughi rifiutano di pulire le strade, sciopero per la paghetta

Condividi!

Un altro caso di ‘profughi’ irriconoscenti. Li manteniamo in hotel nonostante fuggano dalla noia e non dalla guerra, e loro si rifiutano anche di fare il gesto simbolico di pulire le strade.

VERIFICA LA NOTIZIA

A San Vito a Bassano del Grappa, ai giovani richiedenti asilo africani erano stati affidati piccoli lavori di pulizia delle strade: giusto per fingere che servono a qualcosa. Ma loro non vogliono nemmeno fingere di essere utili: e ora pretendono di essere pagati.

Il presidente del Rione, Ezio Calmone, ha raccontato al Giornale di Vicenza: «nelle ultime settimane gli africani non si sono più presentati. Abbiamo chiesto loro spiegazioni e un giovane nigeriano è sbottato, dicendoci che volevano essere pagati per il lavoro svolto. Ho provato a spiegare loro che si trattava di lavoretti semplici, svolti su base volontaria. Ma non hanno voluto sentire ragioni».




Lascia un commento