Fico in versione colf in nero: «Sui migranti Salvini sta sbagliando»

Condividi!

Fare il presidente della Camera dà alla testa. E’ infatti un ruolo che dà molta visibilità ma nessun potere. Per questo chi lo occupa tende ad aprire bocca e dare fiato.

Boldrini Fico è l’ultimo della lista degli incontinenti verbali.

VERIFICA LA NOTIZIA

Riecco Roberto Fico, il kompagno a cinquestelle. Puntualizza, prende le distanze, scalpita, scalcia. L’azione di Salvini proprio non gli piace. Del resto ha dimostrato più volte di avere idee simili a quelle della Boldrini, specie sull’immigrazione. Allora esce allo scoperto, mettendo in difficoltà anche Luigi di Maio. Avverte che il M5S non correrà insieme al Carroccio alle prossime europee. E ancora, la linea sui migranti non è la stessa tratteggiata da Salvini. In un’intervista a la Repubblica, il presidente della Camera chiarisce che il Movimento e il Carroccio sono due entità diverse. «La Lega conosce la nostra storia, noi la loro. Siamo forze politiche ben distinte e alternative», sottolinea la terza carica dello Stato. Fatta questa premessa, l’esponente pentastellato coglie l’occasione per mettere in chiaro che la linea sui migranti resta diversa da quella di Matteo Salvini: servono vie legali per farli lavorare.

Sinceramente ci chiediamo come mai, dopo il caso del colf clandestino in nero, sia ancora dove è. E, soprattutto, dove trovi il coraggio di parlare di immigrazione.

Comunque, non conta nulla. Parli e si goda la poltrona. Finché dura. Perché il M5s sta lentamente purgandosi della sua colonia di zecche rosse. Sarà un processo lungo, ma inevitabile se vuole governare con la Lega.




Lascia un commento