Immigrati pestano agenti e sfasciano auto: subito liberi

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Biella, due immigrati, un 21enne marocchino (con cittadinanza italiana) e un richiedente asilo pakistano di 25 anni, sono stati arrestati per il pestaggio di 4 agenti e processati per direttissima con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni gravissime, minacce, porto abusivo di oggetti atti a offendere.

Hanno patteggiato rispettivamente un anno e quattro mesi e un anno e due mesi. Dopo pochi minuti sono stati scarcerati: le leggi votate dai governi precedenti prevedono infatti niente galera per condanne inferiori ai due anni.

Tutto inizia quando un 33enne li affronta per difendere la propria fidanzata che i due stavano molestando. Il 21enne marocchino gli lancia contro una bottiglia di vetro.

Ma quando i due aggressori si sono trovati di fronte gli agenti sono andati fuori di testa. Il richiedente asilo ha reagito con “inaudita violenza” e ha anche morso uno degli agenti. Poi, ammanettato in auto, ha distrutto a calci il finestrino posteriore.

“Per i due delinquenti che si sono resi protagonisti delle violenze nella notte biellese chiediamo che vengano presi provvedimenti esemplari – denunciano Michele Mosca, segretario provinciale della Lega, e Giacomo Moscarola, consigliere comunale leghista – per il richiedente asilo chiediamo che venga immediatamente sospeso l’iter per l’ottenimento dello status di rifugiato e venga immediatamente espulso, per l’italo marocchino invece si chiedono misure ristrettive per garantire ai ragazzi biellesi di poter trascorrere serate tranquille senza la paura di essere aggrediti. Agli agenti feriti porgiamo gli auguri di pronta guarigione con la certezza che con l’Insediamento del Ministro Salvini sia ridata la dignità alle forze dell’ordine che è stata calpestata per troppi anni”.




Un pensiero su “Immigrati pestano agenti e sfasciano auto: subito liberi”

Lascia un commento