La foto della vergogna: è guerra di sterminio in Yemen

Condividi!

In Yemen l’Arabia Saudita sta portando avanti una guerra di sterminio. Con la complicità dell’Occidente. In un’alleanza sunnita con Isis e Al-Qaida a fare il solito lavoro sporco.

Solo giovedì scorso, i radi indiscriminati sulla città di Hodeida, nell’ovest del Paese, hanno causato la morte di 55 civili.
Sono stati colpiti il mercato del pesce e l’ingresso dell’ospedale locale.

I morti dallo scoppio della guerra sono migliaia. Un massacro.

Ma siccome l’Arabia Saudita paga i nostri politici e i nostri giornalisti con i petrodollari, allora questa guerra non indigna. Non appare sui media di distrazione di massa.

Ad esempio, lui non appare:

Appaiono, invece, i clandestini che affogano con in tasca il biglietto da migliaia di euro pagato agli scafisti per venire in Italia.

Noterete la differenza tra quel bambino e i finti profughi di guerre che non esistono che vengono traghettati dalle Ong.

Qualcuno di voi si chiederà quanti yemeniti giungano in Italia sui barconi, in fuga dalla guerra: ZERO. Eppure lo Yemen è distante dal Mediterraneo come la Nigeria.

Ma quel bambino non ha la forza di stare in piedi, figurarsi di partire per venire a spacciare in Italia.

In tutti questi anni non abbiamo accolto disperati in fuga dalla guerra, ma mantenuti in fuga dalla noia. I disperati sono rimasti a casa. A morire.

Molte delle bombe che cadono su quei bambini, lanciate dagli aerei sauditi, arrivano dall’Italia.

Questo, il governo populista non lo può tollerare. I globalisti esportano le guerre e importano i clandestini.




Lascia un commento