Rimpatri, ci siamo: aerei carichi di nigeriani verso casa

Condividi!

Bloccati in mare mentre erano diretti in Italia, ricondotti col barcone a Tripoli e poi sull’aereo verso la Nigeria. E’ così che li vogliamo vedere: diretti verso casa.

Alla luce degli stupri, dello spaccio e delle ragazzine fatte a pezzi sono 164 problemi in meno.

E questo avviene grazie agli accordi firmati da Salvini.

Inutile evidenziare quale sia l’importanza di questi aerei carichi di clandestini verso la Nigeria, non solo sostanziale, ma anche di immagine: chi dall’Africa vede, non parte.

Intanto la nave Open Arms dell’ong catalana continua a vagare davanti alle coste libiche, con il suo carico di una novantina di clandestini. Ormai da alcuni giorni. Perché non vuole riportarli in Libia dove, dicono, verrebbero ‘torturati’.

In realtà verrebbero rimandati a casa. E questo è intollerabile per chi finanzia le ong: perché i clandestini pagano per essere portati in Europa, e il traffico finirebbe.

La Mafia Nigeriana li vuole in Europa, non a casa! E allora meglio tenerli in mare per giorni o settimane e poi portarli in crociera verso la Spagna.

Ps. Come vedete i rimpatri di massa si possono fare e vanno fatti.




Un pensiero su “Rimpatri, ci siamo: aerei carichi di nigeriani verso casa”

Lascia un commento