Sbarcano 135 tunisini a Lampedusa, Salvini li espelle

Condividi!

Sbarchi di clandestini sulle coste siciliane, stavolta nel Siracusano e sull’isola di Lampedusa. Non dalla Libia, ma da Grecia e Tunisia.

“Soldi sprecati, verranno rimandati a casa”, ha commentato il ministro degli Interni e vicepremier Matteo Salvini.

Ieri in 40, di presunta nazionalità irachena, erano stati rintracciati mentre camminavano in strada tra la località balneare di Fontane Bianche e Avola. Secondo il Gruppo interforze di contrasto all’immigrazione clandestina della Procura di Siracusa lo sbarco era avvenuto la notte precedente.

La rotta per il Siracusano nelle ultime settimane è sempre più utilizzata dagli scafisti, soprattutto ucraini e russi. A darne ulteriore riprova è un altro sbarco avvenuto nei pressi di Punta del Cane, dove oggi è stata scoperta una barca a vela utilizzata da alcuni clandestini per raggiungere la Sicilia.

Alcuni di loro sono stati intercettati dai carabinieri e dalla polizia: 15 immigrati si trovavano sulla spiaggia di Fontane Bianche e altri 10 a Marchesa di Cassibile.

Ieri sera invece, poco prima di mezzanotte, sono approdati a Lampedusa 20 tunisini che viaggiavano su una piccola imbarcazione. Sono arrivati autonomamente al molo Favaloro, da dove sono stati condotti nell’hotspot di contrada Imbriacola, ora centro di espulsione.

“Nelle ultime ore sono sbarcati a Lampedusa 135 immigrati, quasi tutti tunisini, su 13 barchini – ha scritto il leader della Lega, Matteo Salvini, sul suo profilo twitter – Hanno sprecato soldi, tempo e fatica, verranno rimandati a casa nei prossimi giorni! In Italia si entra col permesso, la pacchia è finita”.

La rotta tunisina, numericamente infinitesimale rispetto a quella libica, è più difficile da chiudere, perché essendo più vicina la Tunisia, utilizzano barchini di piccole dimensioni. Ma è anche facile da eliminare con le espulsioni, visto che verso la Tunisia si può espellere anche dopo lo sbarco.




2 pensieri su “Sbarcano 135 tunisini a Lampedusa, Salvini li espelle”

  1. MiAuguro tanto non debbano investire Soldi per rimpatriare quest….. vabbé questi cosi, non meritano sedersi su di un Aereo per tornare in Tunisia, ora in tutte le Riviere ci sono venditori di canottini copratene una decina li portate a 10 milia dalla Costa Tunisina li trasbordate su di questi canotti e buona fortuna, o no meglio di non dargli il buona fortuna

Lascia un commento